domenica 24 settembre 2017

Fusilli bucati e seppie inzimino

Ricominciare, quest'anno è stata dura.
Il rientro dalle ferie, che godiamo sempre dopo che gli altri se le sono già fatte, è stato faticoso.
Ed è stata incredibile la velocità con cui si sono volatilizzati i benefici ottenuti da due settimane su isolette disperse nel blu del mar Egeo. E non parlo solo dell'abbronzatura.
E così, nel turbinio della vita quotidiana, questo spazio è rimasto un po' abbandonato a se stesso.
Ma con settembre ricomincia anche MTC e così ecco una nuova ricetta, che cerca di soddisfare i requisiti richiesti dalla sfida del mese, vinta a giugno da Cristina, che ci invita a provare ad ideare un piatto di pasta al pesce.
Se vi andate a leggere il post in cui lancia la sfida, non solo non ne rimarrete delusi e scoprirete tanti fondamenti di questo piatto, ma avrete oltremodo un gamma vastissima di paste col pesce da cui lasciarvi ispirare!

Dopo un primo buio iniziale, e dopo una pasta con gli scampi e pomodorini, che non ho fatto in tempo a fotografare, causa pargoli affamati una sera infrasettimanale, ho dovuto pensare a cosa tirar fuori.

Non è niente di fantasioso, a dir la verità. Ma in casa è piaciuto molto, a tutti. Compresi i due pargoli, che stanno diventando sempre più esigenti..
E così, con il loro beneplacito, vi presento questi fusilli bucati, una specie di bucatini arricciolati, che mi sono piaciuti subito nel loro fromato, forse perchè ricciolosi come mi sarebbe tanto piaciuto avere i capelli, quando ero adolescente..
Ho servito i fusilli con le seppie in zimino.
Si tratta di una variante di un'accoppiata che generalmente viene servita come secondo e contorno, e che è tipica della cucina ligure e toscana, che unisce le bietole della montagna con i pesci del mare.

Seppie in zimino

Fusilli bucati con le seppie inzimino
per 4 persone

350 g di pasta
400 g di seppie
400 g di bietole
200 g di pomodori pelati
2 spicchi d'aglio
peperoncino
due dita di vino bianco (un quarto di bicchiere) 50 ml?
Olio extravergine di oliva
sale

Seppie in zimino

Lava e pulisci le seppie, poi tagliale a striscioline fini, tagliate a metà.
In un tegamo con 4 cucchiai di olio fai soffriggere uno spicchio d'aglio tritato e un po' di peperoncino. Prima che l'aglio diventi dorato, unisci le seppie e cuocile 5 minuti. Versa il vino e fai evaporare, poi aggiungi i pomodori spezzettati, dosa di sale e fai cuocere altri 10 minuti.
Mentre il pesce cuoce, prepara la bietola. Dopo averla lavata bene e aver reciso l'estremità del gambo, senza sgrondarla dall'acqua, mettila in una pentola capiente e fai cuocere con un bicchiere d'acqua per una decina di minuti. Strizzala bene e saltala in padella con un cucchiaio di olio, in cui avrai fatto soffriggere l'altro spicchio d'aglio tritato. Uniscila ale seppie e dosa di sale. Continua la cottura per altri 10 minuti e tieni da parte.

Seppie in zimino

In una pentola porta a bollore l'acqua per la pasta, aggiungi una manciata di sale grosso e cuoci i bucatini 2 minuti meno del tempo indicato sulla confezione.
Con una pinza, estraili direttamente dalla pentola e mettili nella padella con le seppie. Portali a cottura nel sugo ed aggiungi via via un mestolo dell'acqua della pasta, per mantecare il sugo e cuocere la pasta.

Seppie in zimino


Con questa ricetta partecipo alla sfida MTC 67, lanciata da Cristina Galliti 

4 commenti:

  1. Ammetto non solo di non aver mai pensato all'accoppiata pesce/verdura ma di non averla mai trovata proposta in nessun menù e dire che abito a Torino e la liguria non è molto lontana.

    RispondiElimina
  2. Eccola! Da buona toscana ;-) un classico che piace sempre. Quando me ne avanza un po' anch'io ci condisco la pasta, è perfetto come sugo! Grazie

    RispondiElimina
  3. anche a me piace quel tipo di pasta...e anche io avevo lo stesso tuo pensiero, riguardo i capelli!!!
    Bella idea, proverò l'inzimino per condire la pasta

    RispondiElimina
  4. Omettiamo il peperoncino (con il Sig. Darcy non si può usare) e riproponiamo anche sulle rive del lago! Buona ripresa di scuola, lavoro e vita quotidiana. ...

    RispondiElimina