venerdì 5 maggio 2017

Un dolce da credenza: torta morbida con carote e cocco

Credeteci o no, ma le torte da credenza non sono passate ancora di moda.
Anzi, in casa profumodimamma spesso ci addolciscono il risveglio ed invece di biscotti in busta o fette biscottate tutte uguali, una fetta triangolare di torta, da sola o inzuppata nel latte, ci aiuta ad affrontare meglio la giornata.

I dolci da credenza, non sono altro che quelle torte che si conservano per giorni (se non finiscono prima) fuori dal frigorifero, o meglio, nelle credenze: quei mobili di legno che le nostre nonne tenevano in cucina con dentro il pane e tutto cio' che poteva essere conservato a temperatura ambiente, senza sciuparsi.

Ovviamente erano torte senza crema, panna o altri ingredienti che potessero deperire fuori dai frigoriferi (che all'epoca non c'erano).
Ma anche ora che i metodi di conservazione al fresco o al congelato sono alla portata di tutti, per fortuna le torte di questo tipo non sono scomparse, ma continuano ad allietare i palati e i buongiorni al mattino!

Torta carote e cocco


Per l'appunto oggi, il Calendario del Cibo Italiano dedica questa giornata ai dolci da credenza, ed io propongo questa semplice torta di carote e cocco.
L'umidità delle carote la rende molto morbida, caratteristica che continua a mantenere anche dopo qualche giorno, e l'aggiunta del cocco la rende particolarmente profumata!
E' super veloce da fare, per cui, se avete già tutti gli ingredienti (ma anche se non li avete) non vi resta che infornarla: in meno di un'ora (di cui solo 15 minuti per preparare gli ingredienti e miscelarli) avrete la casa profumata di torta e la colazione per domattina già pronta!
Calendario del cibo italiano

Torta carote e cocco
per una tortiera da 26 cm di diametro

250 g di carote (al netto degli scarti)
100 g di cocco grattugiato
250 g di farina
3 uova
90 ml di olio di semi
100 ml di yogurt al naturale
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito per torte (15 g)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (qui spiegato come farlo in casa)

Torta carote e cocco

Ho acceso il forno a 180°.
Nell'attesa che arrivasse a temperatura, con la planetaria ho montato zucchero e uova a velocità sostenuta, fino a che non sono diventati belli spumosi (almeno 5 minuti).
Dopo aver pelato le carote, le ho tagliate a rondelle e le ho tritate finemente nel mixer tritatutto.
Ho aggiunto in planetaria l'olio e lo yogurt, poi le carote ed il cocco.
Ho setacciato la farina con il lievito e li ho uniti all'impasto.
Ho unto con un po' di olio la tortiera e l'ho spolverato con un paio di cucchiai di cocco grattugiato (a mo' di pangrattato).
Ho poi infornato e cotto per una mezz'ora. In ogni caso, visto che ongi forno ha storia a se, per valutare se la torta è pronta vale sempre la prova stecchino: infilando uno stuzzicadenti nella parte centrale della torta, deve uscirne asciutto.

Torta carote e cocco

12 commenti:

  1. Fantastica la nota di cocco, l'adoro! Un bascione

    RispondiElimina
  2. Mi state pure tentando tutte con il cocco che io non so perché non uso mai...ma. Furia di guardare le meraviglie come questa devo ricredermi ! Bella 😊

    RispondiElimina
  3. Mi hai convinta, preparo subito gli ingredienti!
    Quando avrò finito il giro di queste splendide torte da credenza, se continuo così, le dovrò preparare quasi tutte!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
  4. anche io ho sempre un dolce da credenza pronto....e adoro inzupparlo nel latte!!!!! per non parlare del profumino che si spande per casa mentre cuoce...un'atmosfera unica...bellissima la tua proposta!!!!!! come per il pane....presto la proverò!!!!!!! :-)

    RispondiElimina
  5. CHe bella carote e cocco, una delizia da rifare subito...andrebbero raccolte tutte queste ricette... saluti

    RispondiElimina
  6. Adoro le torte di carote e la tua sembra sofficissima! Me la segno :-)

    RispondiElimina
  7. Sto amando tantissimo questa giornata, perché mi sta facendo scoprire cose buone come questa tua torta.

    RispondiElimina
  8. gusti vncenti per un dolce delizioso

    RispondiElimina
  9. Sembra morbidissimo, mi sa che lo provo.

    RispondiElimina
  10. E se anche fossero fuori moda io continuerei a infornare torte da credenza perché sono veloci, perché si adattano alle stagioni, ma soprattutto perché sono la merenda per la Pulce. ...

    RispondiElimina
  11. Ma quanto sono buone le torte semplici! La tua la rifaccio alla prima occasione, deciso! Intanto me la segno...

    RispondiElimina